BEIJING 2008
 
OLIMPIADI DI PECHINO 2008
Actualité-News
Lancio del "Movimento di sollevazione tibetana"
NEW DELHI, 4 GENNAIO 2008
 

Comunicato

Cinque importanti organizzazioni tibetane hanno annunciato oggi il lancio del "Movimento di Sollevazione del Popolo Tibetano", un nuovo sforzo coordinato di resistenza tibetana in preparazione delle Olimpiadi di Pechino del 2008. I Giochi  avranno luogo solo pochi mesi prima dell'anniversario della Rivolta Nazionale Tibetana del 1959 contro l'invasione cinese del Tibet. Gli organizzatori del movimento rivolgono un appello a tutti i tibetani nel mondo perché si uniscano alla protesta durante i Giochi Olimpici e sostengano una marcia del ritorno che riporti in patria gli esiliati tibetani.

"Oggi, nello spirito della rivolta del 1959 e nel ricordo dei coraggiosi tibetani che sacrificarono a vita per l'indipendenza del Tibet e di quelli che continuano a resistere alla brutale occupazione cinese, lanciamo un movimento unitario per porre fine al dominio cinese in Tibet", afferma Tsewang Rigzin, Presidente del Tibetan Youth Congress.

Il comitato organizzatore è usato dalla leadership cinese per fare delle Olimpiadi una piattaforma per ottenere l'accettazione internazionale e legittimare il suo dominio illegale sul Tibet. Dopo quasi 50 anni di oppressione e assimilazione culturale, la situazione nel Tibet occupato è spaventosa.

"Noi chiediamo ai tibetani nel mondo di unirsi in questo momento critico, mentre la Cina sta tentando di diffondere la sua propaganda olimpica", dice B. Tsering, presidente della Tibetan Women's Association. "Insieme possiamo cogliere questa opportunità senza precedenti per dar voce alla resistenza tibetana e ridare vigore alla lotta per la nostra libertà".

La marcia verso il Tibet è una iniziativa degli esuli tibetani per rafforzare la resistenza in Tibet portando la lotta in patria. La marcia inizierà il 10 Marzo 2008, 49° anniversario della Rivolta Nazionale Tibetana in Tibet. I tibetani all'estero si impegneranno in azioni dirette non-violente e proteste di massa durante il passaggio della torcia olimpica e nel corso dei giochi stessi.

"Il nostro messaggio alla leadership cinese è forte e chiarisce che, dopo 50 anni, i tibetani in esilio sono determinati a tornare in patria ed a riunirsi con i propri fratelli e sorelle" dice Ngawang Woeber, Presidente del Gu Chu Sum, un'associazione di ex-prigionieri politici.

Comitato Organizzatore: Tibetan Youth Congress, Tibetan Women's Association, Gu Chu Sum Movement of Tibet, National Democratic Party of Tibet, and Students for a Free Tibet, India.

 



Dichiarazione


Nello spirito della rivolta del 1959 e nel ricordo dei coraggiosi tibetani che sacrificarono la vita per l'indipendenza del Tibet e di quelli che continuano a resistere alla brutale occupazione cinese, dichiariamo l'inizio del Movimento di Sollevazione del Popolo Tibetano.

Il Movimento di Sollevazione del Popolo Tibetano è un movimento globale di tibetani all'interno e all'esterno del Tibet per prendere il controllo del nostro destino politico, impegnandosi in azioni dirette per porre fine alla brutale ed illegale occupazione cinese del nostro paese. Attraverso campagne unitarie e strategiche useremo le luci olimpiche volgendole ad illuminare la vergognosa repressione cinese nel Tibet, negando così alla Cina l'accettazione internazionale e l'approvazione tanto agognate.

Chiediamo ai tibetani in patria di continuare a combattere il dominio cinese e ci impegnamo a sostenere con fermezza la loro continua e coraggiosa resistenza. Ai tibetani in esilio e ai sostenitori nel mondo libero chiediamo di cogliere ogni opportunità per protestare contro il Giochi Olimpici in Cina e di sostenere la lotta per la libertà del popolo tibetano. Chiediamo ai tibetani, ovunque si trovino, di sostenere la marcia del ritorno dei patrioti tibetani nella nostra patria, il Tibet.

Chiediamo:

Mentre procediamo con il nostro movimento noi, popolo tibetano, ci impegnamo senza riserve in questo sforzo e chiediamo che il governo cinese, immediatamente:

1. Rimuova tutti gli ostacoli al ritorno senza condizioni di S.S. il Dalai Lama in Tibet nella sua giusta posizione di capo del popolo tibetano. Il Dalai Lama è considerato dai tibetani il loro unico e indiscusso leader. Negli ultimi anni i tibetani in Tibet hanno chiesto ripetutamente il ritorno del Dalia Lama, una richiesta per la quale molti sono stati arrestati e languiscono tuttora in prigione.

2. Cominci a smantellare l'occupazione coloniale del Tibet. Il dominio coloniale cinese, insieme al trasferimento di popolazione cinese nel paese, sta emarginando la popolazione tibetana, riducendola a minoranza nel proprio paese. La stessa sopravvivenza del popolo e della nazione tibetana, rappresentata dalla nostra lingua, religione, cultura e tradizioni, è gravemente minacciata.

3. Rilasci tutti i prigionieri politici tibetani da ogni forma di detenzione e ripristini il godimento dei diritti umani per la popolazione tibetana. Migliaia di tibetani - come il giovane Panchen Lama, Gendun Chokyi Nyima, Chadrel Rinpoche, Lobsang Tenzin, Trulku Tenzin Delek, Bangri Rinpoche, Dolma Kyab, Rungye A'drak, e Adruk Lopo - sono stati arrestati per la pacifica espressione delle proprie opinioni religiose e politiche, e a tutti i tibetani in Tibet è sistematicamente negato il godimento dei più elementari diritti umani.

Il popolo tibetano chiede inoltre che il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) immediatamente:

1. Cancelli i Giochi Olimpici di Pechino 2008 e non consideri più la Cina come un potenziale paese ospite dei Giochi, finché il Tibet non sia libero. Il governo cinese è coinvolto in un genocidio culturale in Tibet e non merita l'onore di ospitare un evento internazionale così importante.

New Delhi, 4 Gennaio 2008, il Comitato Organizzatore:
. Tibetan Youth Congress (TYC)
. Tibetan Women's Association (TWA)
. Gu-Chu-Sum Movement of Tibet
. National Democratic Party of Tibet (NDPT)
. Students for a Free Tibet, India (SFT)

Official website: www.tibetanuprising.org


-------------------------------------------------------------
Videos : Press Conference (Phayul) ; Tsewang Rigzin / TYC ; B. Tsering / TWA ; Chime Yungdrung / NDPT ; Ngawang Woeber / Gu-Chu-Sum ; Tenzin Choeying / SFT
Links NGOs : TYC ; TWA ; Gu-Chu-Sum ; NDPT ; SFT-India ; SFT